Storia de La Meridiana

L’inizio

La Meridiana è il risultato di un progetto iniziato da Pietro Maddalena, sostenuto da Giuliana Rodolfi, e realizzato con il fondamentale aiuto di un gran numero di persone appassionate ed entusiaste.

Pietro, ingegnere di formazione, si recò in Inghilterra nel 1970 con l’intenzione di fermarsi per qualche anno.
Nel 1973 rimase talmente folgorato alla vista di un ceramista al tornio, che decise di prendersi un anno sabbatico presso un nuovo studio di giovani ceramisti a Londra. In seguito decise di conseguire un Diploma triennale in Arte e Design, con specializzazione in ceramica, presso il West Surrey College of Art di Farnham.

Dopo quattro anni dedicati all’apprendimento della materia, era pronto per tornare in Italia.
Gli fu chiesto di aiutare per un paio di mesi il Dartington Pottery Training Workshop, un progetto nato su iniziativa di David Leach, ma finì per rimanerci fino alla fine del 1979.

Infine, nel 1980 Pietro tornò in Italia, con la visione di contribuire con la sua esperienza allo sviluppo del gres nel mondo della ceramica italiana, dominato dalla terracotta e dalla maiolica.
Senza illusioni sulla difficoltà del suo compito, ma con molta determinazione si mise alla ricerca di locali adatti a realizzare i suoi propositi.
Iniziò così la storia che portò alla creazione de La Meridiana.

La Scuola

I corsi a La Meridiana sono attivi da oltre 40 anni e per i primi dieci anni si sono svolti nella minuscola frazione di Riparbello, dove si era conclusa la ricerca di un luogo da affittare. È lì che David Leach nel 1983 e poi John Colbeck nel 1984 hanno tenuto corsi sul gres a gruppi di circa 20 giovani ceramisti italiani.
I corsi erano quasi interamente limitati ai mesi estivi, perché in questo modo Pietro aveva il tempo di produrre e sviluppare il proprio lavoro.
Nonostante l’enorme lavoro di ristrutturazione, le possibilità di sviluppo a Riparbello erano limitate. Per questo motivo, ancora una volta, fu intrapresa la ricerca di locali più adatti. Dopo molte ricerche, Pietro venne a conoscenza della proprietà che è diventata La Meridiana.
La casa colonica del XVIII secolo nel cuore della Toscana aveva certamente un potenziale! Ugualmente, era necessaria una ristrutturazione totale: rifare l’impianto elettrico, quello idraulico, intonacare le pareti interne, rifare i pavimenti e, perché no, installare nuove porte e finestre!
Pietro, forte del suo coraggio e determinazione, si mise all’opera per realizzare la sua visione, utilizzando le sue ampie competenze pratiche.
In una maratona di lavoro durata oltre trent’anni e non ancora compiuta, e con l’aiuto di abili artigiani, ha trasformato la proprietà nella cornice ispiratrice che tutti conoscete. Il luogo, con ripide scarpate, è stato trasformato in un magico giardino con alberi, fiori, sculture e un laghetto.
Le vecchie cantine al piano terra sono state trasformate in vari locali per l’esercizio della ceramica. Oggi sono disponibili per i corsi tre studi distinti, uno dei quali nell’area del giardino dove si trovano i tre forni per la cottura a legna.

 

Il modello dei corsi estivi, nel frattempo, è continuato a crescere, con una clientela quasi esclusivamente europea. A quel tempo, La Meridiana non disponeva di una zona pranzo separata per gli studenti e Giuliana preparava e serviva i pranzi dalla sua cucina in quello che era il salotto del suo appartamento. Per quanto memorabili e popolari fossero i suoi pranzi, era una soluzione che chiaramente non poteva continuare e una delle prime nuove costruzioni fu quella della cucina, che forniva anche un’area esterna per le pause caffè e tè.
Nel 1999, Pietro compì l’audace passo di prenotare uno spazio ad NCECA, la conferenza annuale dei ceramisti negli Stati Uniti, per promuovere La Meridiana. Come italiano, che aveva attraversato l’Atlantico, fu accolto calorosamente e stabilì importanti contatti.
Iniziò una nuova era, con prenotazioni da tutto il mondo e l’espansione del programma dei workshop in primavera e in autunno. Inoltre, iniziò un periodo di collaborazioni con università e istituzioni come il Potter’s Council (ora ICAN).

Collaboratori

Una persona molto speciale, artista, educatore e scrittore, che ha avuto un’influenza determinante nello sviluppo de La Meridiana è John Colbeck.
Professionista informato e appassionato, ha insegnato per tutta la vita ed è stato per molti anni direttore di Ceramica alla Bath Academy of Art e autore di importanti libri sulla ceramica.

John ha insegnato regolarmente a La Meridiana negli ultimi 40 anni e la sua competenza è stata fondamentale per lo sviluppo del nostro programma.

Una priorità fondamentale de La Meridiana in tutti questi anni, che è in parte responsabile del suo riconoscimento internazionale, è stata la ricerca e la proposta di artisti/insegnanti affermati a livello mondiale. Wally Keeler, Takeshi Yasuda, Sandy Lockwood, Beth Cavener, Simon Levin, Luca Tripaldi, solo per citarne alcuni.

 

 

Lo staff

Parallelamente all’evoluzione de La Meridiana, il team è cresciuto.

Il primo dipendente a tempo pieno è stato Roman Sonyk nel 2004. Roman è diventato parte integrante de La Meridiana e tutti vogliono portarselo a casa loro! Sempre impegnato, sempre pronto ad aiutare e sempre con un sorriso.

I pranzi de La Meridiana sono famosi per essere sani, deliziosi e abbondanti.  Lucia Zucconi, cuoca eccezionale, dedita per passione anche alla ceramica, ha sfornato piatti indimenticabili dal 2004 al 2020. È autrice del libro di ricette de La Meridiana.

Poco dopo, nel 2006, un incontro casuale con Claudia Bruhin ha dato vita a un sodalizio che ha visto La Meridiana svilupparsi fino all’attuale maturità. In qualità di direttrice, Claudia ha supervisionato l’espansione dei corsi, che ora si svolgono durante tutto l’anno.

Eve Carrobourg è associata a La Meridiana dal 2016. Ha creato la formidabile biblioteca di test sugli smalti, che costituisce una risorsa didattica inestimabile per gli studenti.

Franco Rampi occupa una posizione piuttosto unica nella storia de La Meridiana. Uomo dai molti talenti, è l’apprezzatissimo istruttore di una serie di corsi che vanno dalle famose maratone al tornio ai corsi intensivi di due mesi.

 

Ora, nel presente stato di sviluppo, La Meridiana ha un numero significativo di collaboratori.
In primo piano: Claudia, consulente – Pietro, fondatore
In secondo piano: Roman, Tecnico – Alessia, Capo ufficio – Lorenzo, Cuoco – Valentin, Assistente – Eve, Ricerca.
In alto: Susy, Cuoca – Francesca, Direzione

Se i vostri ricordi passati, le vostre esperienze presenti o le vostre aspettative future su La Meridiana sono positive e desiderate partecipare a questa storia, vi invitiamo a dare un’occhiata al nostro progetto Community Builders.